La sberla, diplomatica, che il presidente turco Erdogan ha tirato a quello che fino al 14 dicembre scorso è stato il più stretto e importante consigliere di Trump, il super falco John Bolton, molto probabilmente risuonerà a lungo a Washington. Arrivato ad Ankara dopo aver fatto scalo in Israele, Bolton non è stato ricevuto né […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un mito in macerie: Marsiglia tra ruderi, bande e clientelismo

prev
Articolo Successivo

Deputato AfD aggredito a Brema: agguato politico

next