“Una buona idea mal realizzata”. La sintesi è di Gaetano Azzariti, professore ordinario di Diritto Costituzionale alla Sapienza di Roma, perplesso dalla prima riforma costituzionale proposta dal governo gialloverde. Approderà in Parlamento il 16 gennaio e prevede –come da antica battaglia del ministro per i Rapporti col Parlamento Riccardo Fraccaro, che conta convincere gli alleati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Medico, mense scolastiche e lavoro: i diritti negati ai richiedenti asilo senza residenza

prev
Articolo Successivo

Il segno di Belzebù indelebile sul Paese

next