“Referendum propositivi: l’idea è buona, la riforma no”

A rischio - Errori sul ruolo della Consulta, sui poteri delle Camere e sul quorum: secondo Getano Azzariti la legge sulla democrazia diretta del M5S è da rifare
“Referendum propositivi: l’idea è buona, la riforma no”

“Una buona idea mal realizzata”. La sintesi è di Gaetano Azzariti, professore ordinario di Diritto Costituzionale alla Sapienza di Roma, perplesso dalla prima riforma costituzionale proposta dal governo gialloverde. Approderà in Parlamento il 16 gennaio e prevede –come da antica battaglia del ministro per i Rapporti col Parlamento Riccardo Fraccaro, che conta convincere gli alleati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.