Il 23 gennaio è una data da cerchiare in rosso. Specie per Carlo Giovanardi indagato nell’ambito di un filone dell’inchiesta Aemilia e che attende di sapere quale sarà il suo destino processuale dalla Corte Costituzionale. Per oltre un anno e mezzo la sua posizione è rimasta congelata in attesa della decisione della Consulta: la Direzione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ultrà morto, indagato tifoso del Napoli: “Era sulla macchina”

prev
Articolo Successivo

Non è una scuola per disabili. Inaccessibile e senza sostegno

next