Cantone boccia la riforma degli appalti: “Meno gare, meno concorrenza. E aumenta il rischio mazzette”

Raffaele Cantone - Il presidente dell’Anac vede rischi nella riforma degli appalti inserita dal governo in manovra col maxi-emendamento. Affidamento diretto e niente certificato antimafia per i contratti fino a 150.000 euro
Cantone boccia la riforma degli appalti: “Meno gare, meno concorrenza. E aumenta il rischio mazzette”

“Mi ricordo quando nel 2015 i Cinque Stelle si appellavano a me e all’Anac contro il decreto Sblocca Italia del governo Renzi che semplificava le procedure di gara”. A Raffaele Cantone, il magistrato che guida l’Autorità anti-corruzione, la modifica della normativa sugli appalti introdotta nella legge di Bilancio con un maxi-emendamento governativo non piace: aumentano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.