“Più diritti meno Orbán” gridavano nei giorni scorsi per le strade di Budapest gli studenti universitari assieme ai lavoratori ungheresi riuniti dai sindacati davanti al Parlamento dove si stava discutendo la controversa riforma del codice del lavoro. Sia gli universitari preoccupati per le future condizioni di lavoro, sia chi già lavora però ha ottenuto l’esatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Siamo i gilet tedeschi, con noi i delusi Spd dimenticati da Linke”

prev
Articolo Successivo

Sicurezza sul lavoro, la norma per salvare i vertici del Tesoro

next