Ha trascorso le notti da solo, nel capannone, da quattro anni con la pistola sul comodino. Di certo Fredy Pacini doveva essere ossessionato dall’idea che i ladri potessero presentarsi ancora nella sua rimessa da gommista. E rubargli, com’era già accaduto in passato, biciclette per un valore di 30 mila euro. Ben 38 volte era accaduto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Roma, furto da professionisti a casa Ingroia (senza scorta)

prev
Articolo Successivo

Sgarbi e l’assessore fanno “stalking” a Keith Haring

next