C’è un falso sul quale la Procura di Roma sta cercando di fare chiarezza. E riguarda il registro di foto-segnalamento della stazione Casilina. Un atto dove Stefano Cucchi non compare mai. All’apparenza. Infatti il pm Giovanni Musarò ha scoperto che in realtà il nome del geometra era stato sbianchettato, inserendo quello di un serbo fermato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Ingroia è senza incarichi. Può rinunciare alla scorta”

prev
Articolo Successivo

Appaltopoli, il “re del bitume” vince anche quando perde

next