C’è un’altra inchiesta della Procura di Catania sulle Ong, stavolta però non riguarda il presunto favoreggiamento dell’immigrazione irregolare ma i rifiuti, lo smaltimento dei vestiti dei migranti soccorsi in mare e di materiale sanitario, da parte di Medici senza frontiere. “Cannule, garze, tamponi, bende con tracce ematiche”, sarebbero state mischiate con “indumenti contaminati indossati dagli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Libia, proiettili di gomma sui migranti della nave Nivin

prev
Articolo Successivo

Scusi, che danno stasera? Consip. Ah, beeeneee…. – I segreti dell’amico di Tiziano nelle mani dei periti tedeschi

next