Centotrentatré a.C. Il tribuno della plebe Tiberio Sempronio Gracco sferra un attacco micidiale al partito del latifondismo schiavile varando una riforma agraria audacissima. Con la lex Sempronia agraria si introduce il limite dei 500 iugeri alla proprietà terriera che può incrementarsi di 250 iugeri per ogni figlio sino al limite insuperabile dei 1.000 iugeri, mentre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il volo del poeta Loris Ferri alla ricerca della bellezza

prev
Articolo Successivo

I computer? Una moda passeggera…

next