Maurizio Molinari, direttore de La Stampa, ha scritto in modo rapido e preciso l’articolo che forse si aspetta sempre dai suoi colleghi redattori: niente sentimenti e molti fatti ben connessi tra loro, in modo da dimostrare quel che è accaduto senza sostare sul prima, sul dopo e sul giudizio. Molinari, con la sua passione per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Il piano B della Banca centrale europea contro il malessere della crescita

prev
Articolo Successivo

Genova e Ischia nel 98 a. C. erano più lontane

next