“Un inasprimento delle sanzioni va nella direzione giusta, per accrescere una fedeltà fiscale che in Italia non esiste come negli altri grandi Paesi Ue. Serve maggior rigore ma aumentare le pene non basta: tutta la macchina fiscale deve essere resa più efficiente per evitare che gli accertatori si trovino a comunicare la notizia del reato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Pene più alte e soglie più basse per poter arrestare gli evasori

prev
Articolo Successivo

Dal Divo Giulio a B. passando per Verdini: l’Italia dei prescritti

next