Caro Direttore, con Tomaso Montanari ci conosciamo da anni, e non nascondo l’amicizia e la simpatia reciproca che ci lega. Abbiamo punti in comune, come il disgusto per una certa classe politica, e punti non in comune, come la circolazione del bene culturale. Una cosa però condividiamo entrambi: l’amore per il patrimonio storico artistico. Io […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Dl fiscale: cari giornalisti, perché fingete di ignorare le notizie che non vi piacciono?

prev
Articolo Successivo

È ora di rimettere il trattino fra centro e sinistra

next