“Se la democrazia esiste, se non è un puro interregno, si può dire che la sua condizione naturale di vita sia la crisi” (dalla prefazione di Sergio Corduas in “La crisi della democrazia” di Josef Ludvìk Fischer – Einaudi, 1997 – pag. VII) Nel solco della migliore tradizione del cerchiobottismo italico, riaffiora una corrente di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’arte deve circolare: è dell’umanità

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next