Con il passare dei giorni dalla scomparsa di Jamal Khashoggi, è sempre più evidente che il giornalista saudita, entrato e mai più uscito il 2 ottobre scorso dal consolato del suo paese a Istanbul, sia stato ucciso all’interno della sede consolare da uomini dei servizi segreti di Riad. Se la sua probabile morte sia da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Zigzagando i partiti muoiono (vedi Baviera)

prev
Articolo Successivo

Le mille vite di Mister Pc Allen, l’altro volto Microsoft

next