Per descrivere la personalità di Paul Allen, l’ex-socio di Bill Gates e il cofondatore della Microsoft, morto l’altroieri a 65 anni al termine di una battaglia con un linfoma cominciata quando ne aveva 29, bisogna collocarlo, in senso psicologico prima che geografico, nel cuore del Nordovest americano. Seattle, la città dove Allen è nato e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Khashoggi, una fine alla Regeni

prev
Articolo Successivo

“Ho scritto hit per altri. Adesso esco dall’ombra”

next