Mentre in Italia si dibatte su un improbabile reddito di cittadinanza che, ove mai vedesse la luce, finirà a essere un sussidio di fatto incondizionato e un disincentivo all’offerta di lavoro, ci sono Paesi che da molto tempo hanno cercato di supportare i cosiddetti working poor, chi lavora ma percepisce un reddito talmente basso da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Macchinari obsoleti negli ospedali

prev
Articolo Successivo

“Il Vesuvio universale”, vivere e soffrire insieme al vulcano

next