Prima concede gratuitamente un appartamento a Denis Verdini aspettandosi in cambio “la possibilità di avere cortesie”, poi però, dopo poco più di un anno, decide di vendere l’intero palazzo e si trova quindi a dover “cacciare” l’illustre inquilino: “Gli arriva la lettera che deve andarsene da lì”. Il cruccio è di Sergio Scarpellini, immobiliarista pluriottantenne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“L’Università? È ancora figlia di un Dio minore”

prev
Articolo Successivo

In bagno o al parco: questuanti Rai ovunque

next