Nei corridoi della Procura e del Csm, continuano a circolare i veleni. L’unico antidoto è la pubblicazione. Meglio spalancare la finestra che subire questi spifferi che infestano l’aria. Per questo abbiamo scritto dell’indagine di Perugia (senza indagati) che riguarda i rapporti di un ex consigliere Csm (Luca Palamara) con l’imprenditore Centofanti. Per questo scriviamo oggi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Terremoto, i gialloverdi cambiano idea Ruffini non va bene: “È l’uomo della Cei”

prev
Articolo Successivo

La Casellati batte il Senato: avrà il vitalizio arretrato

next