Il flusso di informazioni arrivava direttamente alle orecchie degli indagati. Partiva da una talpa ben inserita tra gli investigatori, che trasmetteva notizie riservate agli avvocati Piero Amara, in passato legale anche dell’Eni, e Giuseppe Calafiore, entrambi già indagati per corruzione in atti giudiziari. È un nuovo capitolo della complessa indagine su una rete di avvocati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Sulla mafia abbiamo solo iniziato: proseguiamo”

prev
Articolo Successivo

Un giudice a Strasburgo: l’Italia si incarta

next