Cambia il giudice italiano alla Corte europea dei Diritti dell’uomo: a maggio 2019 scade il mandato di Guido Raimondi, che negli ultimi tre anni ne è stato anche presidente. L’Italia doveva sostituirlo, indicando una prima terna di candidati entro il 6 settembre, ma il suo successore ancora non c’è: il nome è congelato tra i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La spia, la suora e gli indagati. Soldi e riunioni nel convento

prev
Articolo Successivo

Scuola. Altro che troppe docenti donne, si cerchi la vera ragione dei maschi somari

next