Per la prima volta la Svezia deve fare i conti con il potere dell’estrema destra, impostasi nel panorama dei negoziati post elettorali. Con un atto definito storico, dopo la bocciatura del governo in Parlamento, il Paese ha fatto ricorso a un esecutivo di transizione, guidato dal premier uscente, il socialdemocratico Stefan Löfven. La forzatura mira […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Migranti e nuovo aeroporto Tripoli, abbandono totale

prev
Articolo Successivo

Un canaro a Hollywood (a caccia dell’Oscar)

next