Solo a Delhi nel 2014 si sono contati 1.700 stupri. Quelli nelle aree rurali sono indefiniti nella loro dimensione tragica. Così il ministero dell’Interno ha elaborato un registro nazionale dei condannati per violenza sessuale: si chiama NDSO: National Database Sexual Offenders. Una buona idea? Mica tanto per l’attivista Kavita Krishnam, segretaria della All India Progressive […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I vegani hanno i loro ultràs e i macellai assoldano vigilantes

prev
Articolo Successivo

Il rogo che avvelena la reputazione tedesca

next