Quattordici depuratori sequestrati e 43 persone indagate tra dirigenti e funzionari delle società che hanno gestito gli impianti, dirigenti degli uffici tecnici e sindaci. L’avviso di garanzia l’ha ricevuto anche il primo cittadino di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà (Pd) e i suoi predecessori Demetrio Arena e Giuseppe Raffa (centrodestra). Nel registro degli indagati sono finiti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Liberiamo il Csm dalle correnti”. L’appello dei magistrati per il sorteggio

prev
Articolo Successivo

Non si taglia sulla propaganda: Casalino guadagna come Sensi

next