“Solo chi crede in un’altra storia – vi crede perché la vede correre parallelamente alla storia della volontà di potenza – può concepire un compito della cultura diverso da quello di servire i potenti per renderli più potenti”. Così Norberto Bobbio tracciava i confini del piccolo campo degli intellettuali disorganici al potere. Liberi di non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I 5 Stelle e il Pd, due enigmi speculari

prev
Articolo Successivo

Orfini e il prodigio mancato: sembrava aver detto il giusto

next