Il pallone sceglie il suo nuovo padrone e i potenti si agitano. Ci prova il Coni, trama il solito Lotito, ci pensano i grandi club. L’ultimo nome (impossibile) è Beppe Marotta, dg della Juve. Chi l’ha proposto voleva fare un favore doppio alla Juventus: mettere il calcio nelle mani di un bianconero, certo. Ma anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’Inter punta su Nainggolan-apriscatole

prev
Articolo Successivo

Il governo approva i nuovi principi. Finalmente Malagò ha la sua riforma

next