Sempre lucido e simpatico come lui solo sa, Matteo Renzi continua a regalarci perle. Ormai, più che un uomo, pare un mesto compendio dell’infelicità. Non sa più cosa fare. Smette, anzi no. Si dimette, anzi no. Gioca a tennis e sta zitto due anni, anzi no. Va in tour per insegnare al mondo come perdere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La cultura in Rai: questa sconosciuta

prev
Articolo Successivo

Contro la fiducia i Dem occupano l’aula: sarà il caldo?

next