Si versa del vino, ma dice che oltre due bicchieri non riesce ad andare. Questo per Willem Dafoe è un giorno di festa, e lui ha l’aria rilassata, serena, di chi sa di aver fatto un buon lavoro: “Non conosco benissimo la vostra grande tradizione cinematografica, sulla quale Giada (Colagrande, attrice, regista e moglie dell’attore, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Montesi, l’“omicidio” politico di una (ex) famiglia normale

prev
Articolo Successivo

“Lolita” fu Sally: il caso che ispirò Nabokov

next