Venezia 75, tutto è buono purché sia passato

2018, fuga dall’attualità. Il dato più eclatante della gran maggioranza dei film passati alla Mostra di Venezia è, oltre alla lunghezza media, effettivamente mostruosa, il tenersi a debita distanza dal contemporaneo. Mai come quest’anno al Lido ci si fa una cultura: abbiamo visto la competitiva America post kennediana degli anni Sessanta (Il primo uomo), la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.