Abbattuta a Roma nel 510/509 a.C. la monarchia e introdotta la res publica, la giovane democrazia militare era guidata da due magistrati eletti dal popolo e collegiali: i consoli. Secondo la collegialità romana, ciascun console era titolare del potere nella sua interezza e poteva assumere qualunque decisione purché non incontrasse il veto del collega che, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Galante Garrone e Calamandrei: il senso della Costituzione

prev
Articolo Successivo

Quelli che non ti dicono mai il nome

next