La consapevolezza delle criticità del ponte Morandi da parte di chi aveva il compito di attuare interventi migliorativi per la sicurezza della struttura. È questa la rotta principale sulla quale naviga la Procura di Genova per individuare chiare responsabilità penali. Due, allo stato, i soggetti su cui lavorano i magistrati: Autostrade, ovvero l’ente concessionario, e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Caro Veltroni, la tua analisi sui Cinquestelle è ineccepibile. Ma alla sinistra non basta una riverniciata

prev
Articolo Successivo

Bagnoli, l’addio del “pupillo” di Renzi. E si pensa a un senatore del M5S

next