Sulla testa di Can Dundar pende dall’aprile scorso un ordine di arresto internazionale spiccato da un tribunale turco. Per questo il pluripremiato giornalista, scrittore e documentarista accusato dal presidente Erdogan di aver rivelato segreti di stato, da mesi non gira più l’Europa, rimanendo fermo in Germania, dove vive in auto esilio da più di due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Nicolas Maduro moltiplica i salari ma non pane e pesci

prev
Articolo Successivo

Riconoscimenti e sconfitte: il figlio dell’Africa che diventò il volto dell’Onu

next