Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro, paese in forte crisi economica e inghiottito nella spirale inflazionistica, ha promesso ieri durante un discorso televisivo l’aumento del salario minimo del 300%, ovvero di 34 volte rispetto a quello attuale. Maduro ha attaccato i suoi oppositori, in particolare gli imprenditori privati, accusandoli di aver “dollarizzato i prezzi” vantandosi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Marielle, il delitto è cosa loro: la polizia non vuole i federali

prev
Articolo Successivo

“Il doppio gioco con Teheran è costato caro al Sultano”

next