“È la prima vera urgenza”. Gli uomini della Protezione Civile indicano il greto del torrente Polcevera. Una diga di detriti blocca completamente il flusso dell’acqua. Uno sbarramento alto quasi dieci metri. “Bisogna liberare il torrente Polcevera, e farlo in fretta, perché i detriti del ponte Morandi hanno creato una diga e il corso d’acqua si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La babele della sorveglianza e i controlli trimestrali (grazie agli ispettori a piedi)

prev
Articolo Successivo

Autostrade, quelle privatizzazioni all’italiana: il trionfo della lobby del casello

next