Per un mese l’Italia sportiva è stata relegata al ruolo di osservatrice: i mondiali di calcio visti in tv con l’amarezza nel cuore e un groppo alla gola, i nostri azzurri non c’erano. Da ieri quei palloni rotolati per tutta la Russia, finiti in finale nella rete dei croati per esaltare la grandeur francese (come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Basquiat, inno alla gioia della (totale) ribellione

prev
Articolo Successivo

“Il muezzin mi sveglia di continuo. E zia mette le spezie in tutti i piatti”

next