La lettera della Bce che ha messo in discussione la solidità del capitale, una raffica di dimissioni dal cda (ieri il numero sei, Lucia Venuti), la lotta interna per la governance e (sempre ieri) il declassamento del debito da parte delle agenzie di rating. A sette mesi dall’aumento di capitale da oltre 500 milioni, la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese