“Una dichiarazione di guerra”. Matteo Biffoni, renzianissimo sindaco di Prato e presidente di Anci Toscana, non va tanto per il sottile: l’emendamento al decreto Milleproroghe che congela per due anni 1,8 miliardi destinati alle periferie sta scatenando la rivolta dei primi cittadini toscani di ogni colore politico. E apre anche una nuova faida interna al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Periferie, il governo smonta il Bando Renzi: “Solo mance”

prev
Articolo Successivo

Torna Avanguardia Nazionale, il “covo” è nel cuore di Roma

next