Una stretta di mano tra il premier Conte e il ministro Di Maio, qualche polemica in aula tra maggioranza e opposizione e il voto finale del Senato: adesso il decreto Dignità è legge. Subito prima delle ferie e della pausa estiva del Parlamento è arrivato l’ok definitivo di Palazzo Madama, con 155 sì, 125 no […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sovranisti squattrinati: anche la Le Pen rischia la bancarotta e attacca le toghe

prev
Articolo Successivo

Bando periferie, Decaro annuncia: 96 sindaci sono pronti alla diffida

next