Otto quaderni manoscritti in cui sono contenuti oltre dieci anni di annotazioni di tangenti. Così Oscar Centeno, autista di Roberto Baratta (numero due dell’ex ministro kirchnerista della pianificazione Julio De Vido), rischia di entrare nella storia argentina come il detonatore di un caso di corruzione che potrebbe oscurare il famoso Lava Jato brasiliano. Centeno conservava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dottori sì, dottoresse no. A Tokyo truccano i concorsi

prev
Articolo Successivo

“Lo so, posso sembrare pericolosa. Ma non è così. Anzi, spesso inciampo”

next