Dal 2011 l’Università Medica di Tokyo, uno dei più importanti e prestigiosi centri di studio nel settore sanitario del Giappone, ha truccato i test di ammissione ai corsi per evitare di avere nel suo organico più del 30% di studenti di sesso femminile. A scoprirlo è stato Yomiuri Shimbun il quotidiano più diffuso in Giappone […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Quirinale sembra il Cremlino

prev
Articolo Successivo

Le Mani pulite sbarcano anche in Argentina

next