Quando tra il 27 e il 28 maggio, il presidente Mattarella, scrivendo una pagina politica che potrebbe definirsi fra le più imbarazzanti della storia del Quirinale, cercò di imitare il predecessore Napolitano vagheggiando un governo tecnico Cottarelli invece del governo Conte pur di non vedere il prof. Paolo Savona come ministro dell’Economia, in Italia si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Mi chiamo Vitaly, sono russo e di professione facevo il troll”

prev
Articolo Successivo

Dottori sì, dottoresse no. A Tokyo truccano i concorsi

next