“Finché i miei nervi hanno retto”. Finché i suoi nervi hanno retto Vitaly Bespalov è rimasto nell’edificio bianco a 4 piani a via Savushkina 55 di San Pietroburgo. Tutti la chiamano fabrika trolli, la fabbrica dei troll, ma per lui è “quella delle lozh, delle bugie”: è l’Ira, Internet Research Agency. Il ragazzo pallido, minuto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Incostituzionale cedere motovedette alla Libia”

prev
Articolo Successivo

Il Quirinale sembra il Cremlino

next