Sono destini incrociati, storie, sigle e personaggi che tornano. Con un punto zero, una sorta di camera di compensazione. San Pietroburgo, Russia. È il marzo del 2015, il Forum Internazionale Conservatore promosso dal partito nazionalista Rodina richiama gli esponenti principali dell’estrema destra europea. Ci sono le sigle della galassia nera di Italia, Svezia, Spagna, Germania, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Daisy, identificati gli aggressori: “Abbiamo agito per goliardia”

prev
Articolo Successivo

Fq Millennium, il numero in edicola: l’Italia vista da lontano. Il “made in Italy”? Musica, ma anche legalità. E autori di libri

next