Con i propri genitori commentavano il caso di Daisy Osakue. Ma avevano paura di essere arrestati, perché sapevano che a lanciare le uova contro la campionessa di atletica – che ora rischia di saltare gli Europei a Berlino – erano stati loro. Nessuno però ha confessato cosa fosse avvenuto la sera del 30 luglio scorso. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I neuroni specchio dei due Matteo

prev
Articolo Successivo

La rete di Irina Osipova: Dio, patria, Donbass (e Salvini)

next