Daisy, identificati gli aggressori: “Abbiamo agito per goliardia”

Denunciati tre 19enni: confessato il lancio di uova. Uno è figlio di un consigliere Pd

Di Andrea Giambartolomei e Valeria Pacelli
3 Agosto 2018

Con i propri genitori commentavano il caso di Daisy Osakue. Ma avevano paura di essere arrestati, perché sapevano che a lanciare le uova contro la campionessa di atletica – che ora rischia di saltare gli Europei a Berlino – erano stati loro. Nessuno però ha confessato cosa fosse avvenuto la sera del 30 luglio scorso. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui