Dopo le “espressioni fuori luogo” con cui Palazzo Chigi ha censurato l’audizione di Tito Boeri alla Camera tra l’irrisione a Luigi Di Maio e un oscuro riferimento alle polemiche con Matteo Salvini inaccettabili perché minerebbero la sua “sicurezza personale”, il presidente dell’Inps è definitivamente finito nel mirino della maggioranza. Ieri il capogruppo M5S a Montecitorio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I 5 Stelle ottengono la Cassa, Tria si fa un fortino al Tesoro

prev
Articolo Successivo

“Nel cda Rai io eletto e gli altri nominati”

next