Ormai siamo al ridicolmente corretto: l’altro ieri Matt Groening ha rilasciato una nuova intervista al New York Times per difendere il “suo” Apu, il tragicomico indiano dei Simpson, gestore del Jet Market di Springfield, doppiato – ahilui – da un maschio “caucasico” (non “bianco”, proprio “caucasico”), Hank Azaria. La polemica è stata innescata nel 2017 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Guareschi, l’italiano estraneo agli italiani

prev
Articolo Successivo

Tutto ebbe inizio con la poesia di Virgilio

next