Davanti alla Piazza della Rivoluzione, la statua di Karl Marx osserva perplessa l’aggeggio metallico che le hanno messo accanto. Forse è solo invidia: tifosi e turisti trascurano il busto del grande pensatore per un selfie con l’attrazione del momento. Un enorme portale arabeggiante, che come un varco spazio-temporale collega Mosca a Doha, Russia 2018 a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Bari non esiste più: fallito il tentativo di salvataggio

prev
Articolo Successivo

Le biblioteche, trincee di civiltà

next