Molto di quello che sappiamo sulla vita sociale dell’Inghilterra a cavallo tra Settecento e Ottocento lo dobbiamo a Jane Austen. Tra pic-nic sul prato, gite in campagna e tè delle cinque, vi è un momento che più di altri è il fulcro attorno cui ruotano i destini delle donne e degli uomini: il ballo. Tra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Il mio ventennio d’oro con Jerry, Diego e il Dogui: locali gratis e tante donne”

prev
Articolo Successivo

Al via “Altura”, il nuovo festival per i giovani musicisti

next