“È stato un depistaggio di Stato, iniziato subito dopo la strage di Via D’Amelio. Ad organizzarlo è stato qualcuno che sapeva come erano andate le cose e come era stato organizzato l’attentato, qualcuno che avrebbe potuto, quindi, arrivare ai veri autori della strage e che, invece, ha deciso che quella storia fosse raccontata in maniera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dal Fallo Pagano al rosario di Salvini

prev
Articolo Successivo

Lo strano silenzio del procuratore su Contrada

next