V oleva mandare a casa cinquecentomila “clandestini” ma gli hanno detto che non si può salvo firmare costosi accordi con i Paesi d’origine che hanno nessuna intenzione di riprenderseli (ci sono accordi solo con Tunisia, Egitto, Nigeria, Sudan e Gambia). Voleva chiudere i porti alle navi delle Ong individuate come “nemico” e l’ha fatto con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Conte fiuta il trappolone Ue. “No” al vertice-precotto

prev
Articolo Successivo

Palermo, l’hotspot della discordia allo Zen

next