“Gilberto Cavallini non lo vedo da 35 anni e in carcere si fanno compromessi strani soprattutto quando hai davanti una lunga detenzione. Io ne sono uscito senza compromessi, lui non so. Se ai tempi avessi saputo che aveva rapporti con i Servizi segreti deviati oggi non saremmo qua a fare un processo, ci avremmo pensato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Addio a Beatrice, il pm di Calciopoli

prev
Articolo Successivo

“Jihad” al Bataclan, il rapper che spacca in due la Francia

next